Il codice dell’amore – Alexander Loyd

Come superare la paura e riprogrammare le false credenze.

Ma non è tutto qui.

In questo libro, scritto in maniera semplice e mai semplicistica, il Dott. Loyd, aggiunge un tassello di ricerca, fondamentale, per chi come me, da anni, è incuriosito ed appassionato di self help, psicologia, legge d’attrazione, spiritualità e fisica.

Ci hanno insegnato che per ottenere qualcosa dobbiamo desiderarlo, fortemente, con tutta la nostra immaginazione. Visualizzarlo, lavorare sodo, ed infine, ottenerlo.

Talvolta accade. Talvolta non accade. Spesso accade per un pò di tempo e poi tutto torna allo stato iniziale. Come quando ci si impone di stare a dieta; va bene per qualche giorno o qualche settimana e poi si ritorna alle grandi abbuffate fuori controllo.

Perché accade? Perché alcuni obiettivi generano frustrazione e, durante il loro conseguimento, ci fanno più male che bene?

Perchè abbiamo sempre adottato il procedimento inverso, e magari per qualcuno può andar bene, nel coaching si fa continuamente così, ma non è detto che sia lo strumento giusto per tutto.

Proviamo a comprendere la dinamica che solitamente tutti i percorsi evolutivi e di formazione mettono in atto;

trova un obiettivo,

elabora un piano d’azione,

metti in azione il piano.

Fin qui tutto semplice, vero?

Così sembrerebbe, se non fosse che la maggior parte delle persone, non si conosce abbastanza, o affatto, per capire cosa desideri davvero e quali siano gli obiettivi in linea col proprio essere, a tal proposito vi consiglio di leggere il mio articolo Trova il Tuo Dono.

Ma torniamo a noi; stabilito l’obiettivo, talvolta sbagliato e non in linea con la nostra personalità o evoluzione, ma frutto dell’ego, elaboriamo un piano d’azione, duro, disciplinato, preciso e spesso frustrante, perchè non fa altro che predisporci nell’aspettativa di vedere quell’obiettivo realizzato come lo  abbiamo, nei dettagli, immaginato.

E, per la legge di risonanza e stando al sottile lavoro che esercitano le emozioni sulle frequenze del nostro campo energetico, cosa produrrà quest’aspettativa? Altra aspettativa.

Attraiamo ciò che sentiamo e la frequenza a cui vibriamo, ed ecco la conseguenza. Quell’obiettivo non si realizzerà o, nella peggiore delle ipotesi, lo farà per un tempo breve, lo stesso tempo che, le inconsce emozioni provate nel suo raggiungimento, si manifesteranno nella realtà.

Questo ci farà ricadere nello sconforto e ci farà perseguire un nuovo obiettivo. Ed il ciclo non si interromperà mai…

Forse!

Ma qui viene il bello del metodo.

Attraverso poche e semplici domande, il libro ti porta alla comprensione del tuo vero obiettivo che è sempre uno STATO D’ANIMO e non un elemento esterno al nostro controllo. Compreso lo stato d’animo in cui ci dobbiamo predisporre, sarà più naturale affrontare la vita, cogliere l’ispirazione e lavorare ad obiettivi in linea con la nostra evoluzione e crescita.

Un procedimento inverso che ribalta tutti gli schemi dei metodi new age e percorsi di crescita; partire dallo stato d’animo per influenzare la realtà circostante e non ‘ottenere qualcosa per poi esser felice’.

Questo perché, fino a quando il nostro stato di benessere, sarà riposto in qualcosa di esterno a noi e fuori dal nostro controllo (ed in questa vita tutto sfugge al nostro controllo, a parte, forse, noi stessi), sarà sempre a breve, brevissimo termine.

Ne consiglio la lettura e la pratica degli esercizi a tutti coloro che lavorano per aiutare gli altri a raggiungere obiettivi e, spesso, creano veri e propri circoli viziosi, ma ne consiglio la lettura anche a chi è semplicemente curioso e sente di voler conoscere un altro pezzetto di se.

A me è piaciuto tantissimo e nella mia sfera personale ha avuto ampio riscontro.

Buona lettura.

Buona crescita.

Buona evoluzione.

 

Leave a reply