Temi la donna che legge è lo slogan del mio blog letterario interamente dedicato alle donne e alla letteratura al femminile.

È la presa di coscienza che unisce essere ed apparire; l’urlo di gioia di quelle donne che non hanno bisogno di scegliere cosa essere perché, finalmente, sono. Ed io sono semplicemente una donna che legge, che ama i libri e le scarpe col tacco: entrambi strumenti di evoluzione di massa.

Questo blog non è femminista ma è femminile, forse con troppa grinta, ma è femminile.

Leggo libri di autrici interessanti e grintose, recensisco, segnalo e scopro la donna che si cela dietro la copertina e la penna.

 

#TemiLaDonnaCheLegge ha un messaggio importante da divulgare: cultura e bellezza sono un binomio inscindibile.

Nessuna donna deve scegliere chi essere o cosa essere; nel multiverso che ci compone, legittimamente, possiamo essere tutto ciò che vogliamo. Chi dice che le donne colte ed intelligenti non si debbano formalizzare sull’aspetto fisico e l’apparenza non ha capito granché di donne e nemmeno di questo blog.

Chi pensa che una donna bella ed appariscente non sia colta ed intelligente, non ha capito nulla della vita.

 

Ed è quindi questo – per ora -#TemiLaDonnaCheLegge , un semplice blog letterario in cui tacchi e libri, essere e apparire, cultura e sensualità ed intelligenza e bellezza coesistono – come da secoli accade – dentro noi donne.